Skip to content

Di treni presi, futuri ed immaginari.

21/04/2013
tags: ,

Avete presente quei periodi in cui tutto quello che non avete fatto in una vita vi viene proposto nel giro di qualche giorno? Ecco, io vado avanti a questo ritmo nevrotico da dicembre. Sono stanca? Sì, ma sto zitta e vado avanti col sorriso perchè, come mi ha sempre detto mamma, quando il treno passa devi prenderlo al volo.

Ricordate la mia voglia di studiare? Pensavo scemasse dopo la laurea, invece ho preso al volo il treno della magistrale e sto sgomitando tra la gente, i ritardi e le deviazioni. Inoltre, tra una sosta e l’altra, ho preso anche un altro treno per Verona (stupenda!) dove sto seguendo un altro corso universitario. I miei neuroni iniziano a svalvolare, ma ho la possibilità di scoprire tante cose, allargare i miei orizzonti e (sorpattutto) conoscere un sacco di persone.

Ricordate la mia vita sociale? Ultimamente era abbastanza piatta causa mancanza di tempo e robaccia varia. Grazie al treno per Verona e ad un altro treno “capitolino” ho avuto la possibilità di conoscere e legarmi a persone che mai avrei pensato prima. Molti dicono che le amicizie più belle sono quelle che nascono dall’infanzia.. onestamente inizio a dargli torto (tranne per alcune eccezioni che sopporterò ed amerò platonicamente per tutta la mia psicopatica vita)!

Ricordate la mia tesi con i bimbi oncoematologici? Bene. Ora lavoro (sì sì, lavoro.. mi paghranno alla fine del progetto, ma già sentire la parola soldi mi fa felice) con le mamme con un bellissimo progetto. A proposito del progetto, se avete altri 3 minuti di tempo da investire per qualcosa di utile cliccate QUI e leggete come La Libreria Immaginaria mi sta aiutando. Ah, ovviamente spargete la voce e vedete di donarmi un libro!

Per oggi passo e chiudo. Devo preparare il trolley per il prossimo treno.

10 commenti leave one →
  1. 22/04/2013 08:12

    Se tua mamma dice che bisogna prendere al volo è l’equivalente del proverbio che dice che: “Bisogna prendere la palla al balzo.”
    Fai benissimo. Ti si apriranno molte porte.
    Ciao.
    Quarc

  2. 22/04/2013 08:13

    Ho dimenticato… IL TRENO.

  3. 23/04/2013 21:18

    E’ vero cara, la mamma ha ragione, quando un treno passa è bene prenderlo, la destinazione?, a volte lo spirito di avventura aiuta, contentissima per il tuo lavoro ed in bocca al lupo, mi piace molto il progetto della libreria, vedrò di attivarmi, iniziativa veramente meritevole, buona serata.
    Angela

  4. 26/04/2013 23:07

    Che bella ventata di ottimismo!🙂
    In bocca al lupo per questo futuro che, a tutti gli effetti, appare raggiante e stracolmo di aspettative, da creare, raggiungere e realizzare…
    Un abbraccio!

  5. 11/06/2013 19:35

    Ogni parola sprigiona vita. Grande!

  6. 26/06/2013 14:32

    Libri di che tipo? Solo per ragazzi o di tutti i tipi?

    • 26/06/2013 15:33

      Cara, se mi contatti in pvt ti spiego tutti i dettagli!
      Comunque i libri sono per le mamme dei bambini ricoverati.. i pupi di libri ne hanno fin troppi! 😉

Trackbacks

  1. L’inquietudine della lettrice depressa | Volevo fare la principessa
  2. Meglio cento giorni da collaboratrice che uno da principessa (?!) | Volevo fare la principessa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: