Vai al contenuto

Il profumo del pane alla lavanda – Sarah Addison Allen

17/06/2012

“Generazioni di Waverley avevano coltivato il giardino. In quella terra c’era la loro storia ed il loro futuro. Ma qualcosa stava per accadere, qualcosa che il giardino non era ancora pronto a rivelare.”

Come può un giardino rivelare qualcosa? Di fronte ad una frase così enigmatica e complessa penso sia normale porsi delle domande, soprattutto se questa si trova nelle prime pagine di un libro acquistato alla cieca (lo ammetto, io sono la lettrice media che si innamora delle copertine.. bel modo di presentarsi). Così continuo a leggere, incuriosita da questa famiglia così misteriosa e da quel melo che, dominando il giardino di casa Waverley, dona i suoi frutti dagli strani poteri.  Senza volerlo mi  ritrovo immersa nei profumi di quella casa, come se ci abitassi da sempre, spettatrice imparziale di una tradizione culinaria e di vicissitudini familiari condite con un pizzico di mistero.

Regina di quei travolgenti profumi ed affascinati colori, eccellentemente mixati in cucina, era Claire unica custode di quel patrimonio nella cittadina di Bascom. Oltre che essere buoni i suoi piatti aveva qualcosa d’incantato: i fiori usati nelle pietanze suscitavano nei compensabili determinati sentimenti e ricordi.  Quelle erano le ricette che sua nonna le insegnò da quando Claire e sua sorella Sidney avevano messo piede in quella casa;  aveva deciso che sarebbe rimasta nella casa della nonna: lì era a casa, lì era una Waverly! Basò la sua vita sulle ricette e sui fiori del suo giardino, chiudendo se stessa ed il suo cuore in quella cucina, unico luogo dove si sentiva davvero sicura,  libera di creare e senza paura che qualcuno possa ancora deluderla ed abbandonarla come 10 anni prima, senza un chiaro motivo, fece sua sorella.

“Alcune persone non sanno come ci si innamora, proprio come altre non sanno nuotare. Quando si buttano la prima volta vanno nel panico, poi però imparano in fretta”

Il motivo che spinse Sideny ad allontanarsi da quella casa era perché voleva sentirsi davvero libera. Essere una Waverley comportava fare i conti con se stesse e con i propri doni, come la vecchia cugina Evanelle la quale, senza un vero motivo, si ritrovava a consegnare oggetti di qualsiasi specie agli abitanti di quella cittadina, con la certezza che prima o poi l’accendino, i cereali, una spilla o i due centesimi sarebbero serviti a qualcosa. Ma essere una Waverley voleva dire soprattutto essere etichettata come la strana strega di cui tutti sfruttavano i doni e che nessuno voleva come amica. Anche Sidney aveva un dono, ben lontano dal pentolame della sorella maggiore:  lavorava i capelli come fossero fatti di pongo! Acconciava, tagliava e colorava creando opere d’arte che facevano risplendere di vitalità chiunque passasse per le sue mani. Lei però voleva solo essere amata e trattata come una qualunque, scappando da questo suo  magico passato per oltre dieci anni. La nostra storia infatti comincia proprio dopo questa lunga assenza, quando Sidney deciderà di tornare in quella casa incantata portando con sé, un passato oscuro, un caos non tollerato da Claire ed un bambina sorridente, conoscitrice del giusto posto di ogni cosa.

Il giardino (forse il vero protagonista di questo incantevole romanzo) è  fino alla fine custode di un grande segreto e degno padrone di casa; ci accompagna alla scoperta di quei magici fiori che, se mangiati, suscitano emozioni e ricordi  e ci presenta tutti i protagonisti di questa calda, romantica e profumatissima storia avente alla base il continuo contrasto tra razionalità-desiderio, destino-progetti e  fuga-ritorno verso quella casa e  quel melo rivelatore del destino  di chi chiunque assaggi un suo frutto. Ed io, come lui, spero vi avervi accompagnato davanti alla prima libreria della vostra città, tacendo sui dettagli e lasciandovi ad una piacevole lettura (magari con un bel tè alla cannella, giusto per riscaldare un altro po’ l’atmosfera!).

About these ads
4 commenti leave one →
  1. 18/06/2012 07:16

    L’ho letto.
    Bellissimo.
    Buon inizio di settimana.
    Luciana

  2. 19/06/2012 10:43

    Mi ha fatto venire in mente un libro che ho ricevuto in regalo per il mio compleanno e che ho trovato molto gradevole: “Amore, zucchero e cannella” di Amy Bratley. Te lo consiglio.

  3. 21/06/2012 22:47

    stuzzicante incantatrice di emozioni, le mie sono già troppo prigioniere, ma…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 318 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: