Skip to content

Lettera ai Signori Marchi Di Moda

15/04/2012

Anche se da una settimana la capitale è ripiombata nel freddo inverno, non mi son lasciata scoraggiare e, come ogni primavera che si rispetti, ho fatto un po’ di ordine:

  • sigilla i maglioni di lana e tira fuori le t-shirt (grande genialata considerando le temperature glaciali)
  • elimina fogli/appunti/oggetti di uso non identificato/accessori orridi/polvere onnipresente/trucchi scaduti
  • backuppeggia il pc che ha svalvolato e deve andare fino a Milano per tornare in sè
  • Dà un’occhiata al povero blog che non ti fili da settimane e che è pieno di post iniziati ma mai finiti in attesa di essere pubblicati

Collegandomi a quest’ultimo punto volevo appunto parlarvi di una lettera scritta di getto (come già fatto in passato) qualche tempo fa (periodo non ben quantificabile dato il mio rimbambimento galoppante) e mai pubblicata.

I destinatari, come potete leggere dal titolo, sono molti e di importanza eterogenea, ma non è questo che conta. La causa della mia ira funesta è quella biondina “io so fica, c’ho il ragazzo bello, vesto alla moda invece di sfamare il terzo mondo“, nonchè proprietaria di  TheBlondeSalad sito da me visitato agli albori perchè reputato semplice e di classe; ma da quando la signorina si è pubblicamente sputtanata facendo capire a tutti che lei va alle presentazioni/sfilate/chiamatelecomevipare solo se riceve un compenso a quattro zeri   non c’ho visto più!

Amore, non sei Nicole Kidman, sei una blogger che ha avuto solo un po’ più di culo di noi blogger pezzenti. Detto ciò, vi lascio alla lettera (breve ma efficace).

 

Cari SMDM (abbrevio perchè la mia razionalità sta per svanire per lasciar posto all’ira e devo accelerare la scrittura prima che questa lettera venga inondata di parolacce),

io non sono nessuno, lo so benissimo e mi sta bene così. Anzi, sono l’opposto di quello che voi cercate in una blogger: ico parolacce, parlo più di rutti e libri che di moda, l’unica foto con un capo d’abbigliamento da me pubblicato è la mai borsa riciclata da un paio di jeans, non so camminare su un tacco 12 (almeno io l’ammetto invece di far parte del club delle “fashion spastiche”) e decido di vestirmi da femmina solo quando lo reputo opportuno. Mi piace vagare per negozi ma molte volte il mio budget ed i miei difetti mi fanno uscire a mani vuote. Me ne frego delle marche e boicotto il made in china e tutto ciò che costa quanto una giornata di lavoro. non ho una reflex di ultima generazione ma una digitale trovata in un ristorante e mangio quanto tutte le vostre modelle anoressiche messe insieme.  Sono la classica ragazza che non vorreste mai ascoltare, ma vi chiedo una cosa: se avete un evento e dovete farvi conoscere, se dovete lanciare qualche cavolo di cosa o se volete pubblicità nel web vi prego, scegliete me! Dopo quello che vi ho detto sembrerà assurdo, ma ho i miei buoni motivi:

  1. vengo gratis (anzi vi pago io se mi chiamate) ed i soldi spesi per altre cretine li donate in beneficenza che siamo tutti più felici
  2. non mi vestirò sempre da femmina ma se mi ci metto facci girare la gente per strada
  3. conosco i miei limiti e quelli degli altri e capisco benissimo che nella moda ci sono dei confini da non superare (molte volte si va sul ridicolo spinto)
  4. sono pur sempre una principessa ed in pubblico tiro fuori la miglior ironia
  5. se una cosa mi piace la dico ai 4 venti finchè tutti non la pensano come me

Tutti abbiamo dei pro e dei contro, come le tante altre ragazze che si interessano di moda ma che non la osannano ogni fottuto giorno della loro vita e che ho avuto il piacere di incontrare in questo grande mondo che è il web. Siamo tante, ognuna col suo sogno e col suo asso nella manica, e non capisco perchè dovete pagare quelle cifre per avere sempre le solite 4 (ex)blogger(ora amministratrici d’azienda!) ad i vostri eventi.

Sperando che almeno l’1% del mondo della moda accolga questo mio “lamento” con una risata vi auguro una buona giornata.

PS:e abbassate i prezzi! Mi sta bene tutto, ma non posso pagare una gonna 200euro.. così, giusto per dire.

21 commenti leave one →
  1. bottepiccola permalink
    15/04/2012 17:22

    Parole super sacrosante!E sempre da gran signora😉 !

    • 15/04/2012 17:30

      Mi son resa conto ora che ho scritto una parolaccia. Peccato, ero quasi andata vicino all’educazione totale! 😀

  2. 15/04/2012 19:26

    Ho iniziato a leggere quell’articolo ma mi stava facendo venire la nausea e ho smesso… MACCHISELINCULAQUELLALI’???
    A parte che così, senza nemmeno sapere chi sia, mi da solo l’aria di essere una poverina…. Magari chiede compensi a 4 zeri, ma in quanto ad altro dev’essere veramente povera. Azzarderei che nella vita probabilmente è una superficialotta….boh, magari mi sbaglio?

    Ah bella…impara a essere pure camionista come chi scrive questo blog, che a voler fare solo la principessa fai ridere!!

    Ecco. Buona domenica🙂

  3. 15/04/2012 19:26

    Bellissimo!! E quale verità (anche io poco sopporto la signorina insalatina so tutto io)…
    Meglio noi poverette ma vere blogger, vah!
    :)))

  4. 15/04/2012 20:47

    Quoto!
    Ma poi a me lei non comunica nulla, penso abbia avuto solo fortuna e un fidanzato esperto in economia :p

  5. 16/04/2012 05:42

    La lettera è bellissima ma credo che più che si SMDM dovresti scrivere a chi spende 200 € per una gonna (200 €, non so se rendo! Che ad H&M con 29 € me la porto via e che non sarà della stessa qualità di una di Prada, non lo metto in dubbio, ma veste lo stesso, ve lo assicuro, ed è pure carina!) perché il problema sta tutto lì. Finché c’è gente che spende quelle cifre per determinati oggetti saranno sempre loro a farla da padroni, purtroppo. Poi ognuno i suoi soldi li spende come vuole, per carità. Però il sistema si regge in piedi per questo motivo. Inutile girarci intorno😉

  6. 16/04/2012 12:53

    Sono completamente d’accordo!! ^^

  7. 16/04/2012 23:11

    uhhhh come condivido tutto tuttissimo. io mi vesto da femmina e cammino sui tacchi ma se vuoi ti accompagno ai posti dove ti invitano i tizi della moda. vengo via a poco, un bicchiere di coca cola e un pezzo di pizza e per me il pagamento è avvenuto eheheh

  8. karina890 permalink
    17/04/2012 14:28

    Per la moda capire le donne normali significa mettere i piedi a terra. Un giorno succederà, ma sarà il giorno in cui si faranno chiamare in pubblico sarti, calzolai, profumieri, pellettieri…😉

  9. 17/04/2012 15:11

    ma tu.. sei meravigliosaaaaa!!! come ho fatto a perderti???? soprattutto quando hai parlato di rutti!!! ahahahhahaha

  10. 17/04/2012 15:48

    Splendido.
    Stefano

  11. 17/04/2012 20:05

    min… chia io e te a scriver lettere ci siamo portate🙂

  12. 19/04/2012 10:41

    hahaha! Strepitoso!

Trackbacks

  1. Google Alert – MODA MODA & FASHION, NEWS – Easy News Press Agency | Easy News Press Agency

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: