Skip to content

Di giornate primaverili e di sudate (più o meno) carte!

03/04/2011

Entrai nella libreria e aspirai quel profumo di carta e magia che inspiegabilmente a nessuno era ancora venuto in mente di imbottigliare.

(Il gioco dell’angelo – Carlos Ruiz Zafón)

 

Vorrei subito precisare che oggi non troverete insulti di alcun genere…. o almeno spero!  Oggi vorrei parlarvi di LIBRI: sì, libri. Nulla di specifico a dire la verità, ma una bella accozzaglia di notizie interessanti che nell’arco di qualche settimana ho trovato vagando per le vie infinite del web!

Da poco ho scoperto la forza di anobii non solo come consulente di nuove letture ma anche come ponte tra venditore ed acquirente di libri. Nell’arco di pochi mesi sono a quota 3 libri spediti e 3 libri arrivati, depennando dalla mia lista di “prima o poi ti leggerò” qualche elemento  di troppo e alleggerendo Billy (chi è Billy????ma è la libreria più famosa d’IKEA…ignutanti!). Purtroppo però Anobii è LENTO e si impalla ogni 5minuti, così mi son messa alla ricerca di mercatini dell’usato a Roma (rinominata dalla sottoscritta “città di chiese e mercatini”) e di alternative anobiiane per i periodi (come questo..porca miseria!) in cui il mio senso del dovere mi impedisce di uscire. Ed ecco qui RILIBRI, un mercatino dell’usato on-line dove puoi far valutare, vedere e comprare libri! Batsa iscriverti, inserire il tuo annuncio ed al resto ci pensano loro (ovviamente prendendosi una quota sulla vendita). Provatelo e fatemi sapere!

Dopo aver smaltito l’ incazzatura da anello rotto, ho deciso che il mio senso di femminilità doveva guardare oltre: ho svaligiato Oviesse (che,alla faccia delle grandi marche, ha capi d’abbigliamento stupendi a prezzi accessibilissimi), ho finalmente comprato una crema per il viso decente che mi fa venire la pella come quella di una bambola di porcellana, ho preso gli aggeggi del mestiere di mia madre e mi son fatta un paio di orecchini uguali a quelli visti da Accessorize (ergo ho risparmiato 14 €) e ho trovato il mio prossimo anello. Questi passi creano dei VERI mini libri dove tu puoi scrivere o lasciarli chiusi ed usarli come bijoux.

Il bello di riviste come VanityFair, Glamour,A e anche Wierd (per quel poco che ho potuto vedere) è che sanno passare da un argomento all’altro con grande maestria, proponendo rubriche e sezione molto diverse tra loro ma perfette per ogni gusto. A me, oltre che sbavare sui vestiti, piacciono molto le rubriche sui libir, mostre e sul design… certo che l’uomo se ne inventa di cose assurde! Rimanendo in tema di libri vi propongo una carrellata di librerie molto particolari: in questo catalogo troverete librerie per tutti i gusti ma con un fattor comune, il materiale! Questa non penso sia molto utile, sopratutto per gente come (o peggio di me) che è sommersa dai libri, ma l’idea era carina! Con questa sembra di giocare ai Lego! Queste due invece fanno parte dello stesso creatore ed, oltre che ad essere ipercolorate (come piace a me) sono anche ecofriendly! Questa sarebbe perfetta in una delle tante librerie/caffetterie che trovi nei vicoli di Roma (posti nei quali passerei le giornate a filosofeggiare sui massimi sistemi). Per un tutto di caos questa è perfetta! Qui si sta un po’ strettini forse! Un’altra libreria 100% fai da te l’ho vista qualche tempo fa su “paint your life” dove quella pazza della conduttrice assemblava e colorava le cassette della verdura…sìsì, quelle che si trovano al mercato. Purtroppo non ho trovato il video ma se andate qui vedrete che c’è chi ha riprovato l’idea a casa!

Altra cazzatella che metto da parte è questo segnalibro che poteva inventare a anche mia nonna! ma so dettagli…

Ed ora veniamo alla notizia ritardataria, quella che se ho trovato il coraggio di fare e di raccontarvi è solo per colpa SUA! Il 25 marzo è passato da un po’ ma nonostante tutto sono qui a confermarvi che la sottoscritta ha messo da parte l’imbarazzo ed ha regalato il suo libro. Dopo aver mollato l’eleganza del riccio sulla macchina di uno sconosciuto l’anno scorso causa “non avevo tempo nemmeno per fermare un cristiano per 10 secondi” quest’anno ho fatto il mio dovere..con 24ore di ritardo causa “che palle devo studiare”, ma l’ho fatto: ho regalato il mio libro alla commessa gentilissima di Swarovski! Stava tutta sola e sconsolata, mi sembrava la persona perfetta per accogliere un libro che a me è piaciuto molto (“tu,mio” di Erri De Luca). Certo, quando mi ha chiesto “ma che t idevo pagare” ci sono rimasta, ma quando poi le ho spiegato bene tutto non ha fatto che ringraziarmi. Speriamo le sia piaciuto..

Concludo questo articolo segnalandovi “LibriCome”, la rassegna letteraria che fino al 12 aprile si svolgerà a Roma. Io spero di farci un salto, voi vedete che potete fare.

Detto ciò, vada a preparare un qualcosa che somigli ad un pranzo!

Buona domenica..e buon sole a chi può vaffanculizzare impegni/libri/doveri ed andarsene al mare o in villa a passeggiare, inebriato dalla primavera. (primavera…quindi arriva il polline..oddio…già sto starnutendo).

 

 

 

20 commenti leave one →
  1. Marta permalink
    03/04/2011 13:27

    È sempre bello parlare di libri sorella!😉

  2. 03/04/2011 14:07

    c’è da dare un’occhiata a questo RILIBRI allora…umh umh…
    grazie per la dritta…😉
    fila a studiare!!!!

  3. 03/04/2011 14:25

    Uhm, io sono troppo gelosa delle mie cose, non riuscirei mai a scambiare libri con gli altri😛
    Comunque come segnalibro io uso quello magnetico, che anche se faccio volare il libro in aria, non si staccherà mai!
    Dopo averli scoperti ho fatto la raccolta e ora ne ho una decina😛

  4. 03/04/2011 15:09

    Io a Libri come son stata ieri ma Enzo Bianchi ha disdetto; ci vado tra due ore per Bartezzaghi, sabato per Grossman e domenica per Eco (senza aver letto il Cimitero di Praga, tra l’altro).

    Ho scoperto anch’io dov’è il famigerato capolinea dell’84 quando ho preso in considerazione di portare a casa la tavola di legno della scrivania (120x160cm per 22,5 kg di peso) in autobus… così ho visto che via Baseggio è proprio lì a Porta di Roma.

    m.

    ps. quel segnalibro che avrebbe potuto anche la nonna, credo che lo perderei subito. Che aggeggio inutile!

  5. 03/04/2011 15:29

    E’ la terza volta che vengo e non riesco a finire di leggere il post… avere mia nipote x casa non rende la cosa fattibile ahahahah
    Quindi di vedere tutte le librerie la vedo praticamente impossibile (ammappa, ma quanti link hai messo in questo post???)😛
    E brava la commessa che si è aggiudicata il librozzo!😉
    Scappo dai, buonissima domenica!

  6. 03/04/2011 22:18

    molte librerie le conoscevo gia, quelle in cartone mi hanno fatto pensare che ormai quasi 10 anni fa per l’esame di disegno industriale ho progettato una postazione studio con libreria, scrivania e sgabello in cartone e ho anche costruito i prototipi…ho preso 30 e il prototipo dovrebbe essere in qualche posto…antesignana🙂

  7. Quarchedundepegi permalink
    04/04/2011 00:55

    Cara Farnocchia,
    Ho letto tutto il tuo articolo per vedere se avessi scritto la provenienza del quadro che hai riprodotto all’inizio dell’articolo.
    È un quadro di Giuseppe Arcimboldo. Questo quadro è ora visibile a Milano assieme ad altri stupendi dell’artista.
    Questo quadro è normalmente in Svezia nel Castello di Skokloster.
    Se a qualcuno capitasse di “passare” da quelle parti (Palazzo Reale – Milano), vada a vederli. Ne vale la pena.

    • 04/04/2011 10:58

      ecco cosa avevo dimenticato!!sorry..
      che poi per trovare un immagine decente di questo quadro non sai quanto c’ho messo.

  8. 04/04/2011 17:59

    Aaaaaaaah Billy!!! Cara vecchia amica… anzi, amiche… perché ne comprai una famigliola felice, di Billy!
    Splendido post, tanto materiale da cui estrarre validi consigli!😉

  9. 05/04/2011 18:27

    Mi piace quando si parla di libri e anche di librerie. Mai abbastanza per contenerli.
    E’ per questo che mi ritrovo anch’io a “perdere” i libri in giro. Di solito negli aereporti, o nelle stazioni. L’unica cosa che mi rimane li è non poter vedere chi li raccoglie. Che faccia ha, cosa dice etc. etc. ma questo è il bello del booksharing.

    PS: ma come fai a metterti la tua libreria anobii sul blog?

    • 05/04/2011 18:31

      ecco la consulenza immediata: allora, crea il tuo badget su anobii (trovi le indicazioni sotto la tua libreria). poi, una volta che anobii ti darà il codice lo copi e inserisci in TESTO che trovi qui tra i widget. altrimenti un altro metodo è creare una PAGINA qui sempre con lo stesso testo. decidi tu a seconda di dove vuoi far vedere la libreria.
      tutto chiaro??
      se si ti mando la fattura..ahahaha

      • 05/04/2011 21:27

        Grazie mille Farnocchia.
        Ma prima di emettere la fattura devi dirmi come faccio a fargli scegliere i libri che dico io.
        Mi pubblica infatti i titoli alla dog’s dick….

  10. 05/04/2011 18:33

    be’ alla fine ti sei persa l’occasione di non dire neppure una parola birichina, dicendola!😉
    trovo Anobii molto interessante, chè finalmente mi ha dato la possibilità di catalogare i miei libri. però sono di quelle persone che ad ogni libro lega momenti particolari e dunque non vendo, non scambio, non niente!🙂 tuttavia regalo libri con infinito piacere e riceverli in dono mi riempie di estrema libidine!😀 oviesse, ora come ora, riscuote la simpatia del mio stipendio che stenta a rimanere accettabile fino a fine mese. quindi viva oviesse! (anche perchè pratico la 42 e riesco a trovare cose che non mi fanno sembrare una vecchia bacucca, più di quanto, per anagrafe, sia! ) wired è il giornale che bazzica in famiglia. nonostante il marito non sia un patito della tecnologia, apprezza i contenuti e soprattutto l’impaginazione. io tutto, come te. che altro ancora? i segnalibri sono la giusta ricompensa per chi ama i libri. bellissimi da vedere, li colleziono da anni. ne ho di goduriosi! peccato non essere a roma, sigh! di possibilità ce n’è una sporta, davvero!! baciuz

  11. 06/04/2011 00:32

    Libri, libri, libri, se non ci fossero i libri ci sentiremmo meno liberi, di emozionarci, di sognare, oltre ovviamente per imparare.

    Se mi regalano un libro, mi fanno felice, se poi è un libro d’arte, ancora di più. (adesso nel caso sai cosa regalarmi…🙂 )

  12. 06/04/2011 12:59

    non darei via nessun libro neanche sotto tortura
    anzi no
    de “le vie senza legge” di graham greene mi libererei volentieri, ma ancora non ci sono riuscito
    sono disposto a pagare pur di trovare qualcuno che si prende quel libro

  13. 06/04/2011 13:24

    Io invece gli unici libri che riuscirei a dare via sono quelli de “Le ragazzine”, non so se vi ricordate questa collana di libri, ma più che altro parlo con le mie coetanee ventenni. Erano dei libri divertenti, ma letture semplici e un po’ stupidotte viste col senno di poi. Sarei disposta pure a regalarli, secondo voi chi se li prenderebbe?😛
    Una volta, a proposito di regalare libri, ho trovato mia madre che stava sistemando tutta la sua collezione dei gialli di Agatha Christie in uno scatolone per andarli a regalare al carcere. Ma siamo matti? Va bene la solidarietà, ma se possiedi tutta la collezione della Christie la vai a regalare ai carcerati? Soprattutto quando tua figlia (cioè io) non ne ha ancora letto neanche uno????? (Recupererò, non preoccupatevi)

  14. 07/04/2011 15:27

    A me una bottiglietta di “parfum de libreria”, grazie!

  15. 09/04/2011 18:55

    un post densissimo di cose!
    molto utili le fonti sulle librerie (ah, se solo avessi ancora spazio in camera! la prossima la appendo direttamente al soffitto..), e l’anello è davvero ganzoabbestia, come diciamo a livorno.

    ps. a questo punto posso ricambiare il “brava!” per la mission accomplished di LLL.

    pps. ..e la domanda sorge spontanea? ti è piaciuto Il gioco dell’angelo? io l’ho comprato dopo aver letto L’ombra del vento, ma mi dicono che è un po’ un clone del primo.. illuminami effe!

    • 10/04/2011 17:56

      mha, ti dirò! “l’ombra del vento” non si tocca… ma gli altri non mi dicevano nulla. forse dovrei rileggerli!
      forse..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: