Skip to content

Pensieri primaverili e senso di famiglia

15/03/2011
tags:

Non so da voi, ma oggi a Roma è arrivata prepotentemente la PRIMAVERA! Così la sottoscritta, presa dal vortice di alberi in fiore/coppiette sbaciucchiose in calore/caldo asfissiante, ne ha subito approfittato per eliminare il cappottone e tirare fuori i suoi bellerrimi occhiali da sole che le danno quell’aria da tenebrosa (molto utile la mattina per affrontare il caos capitolino). Insieme al caldo sono arrivati una valanga di pensieri come:

  • ma ieri l’ho presa la pillola?
  • oddio, tra 3 mesi c’è la “prova costume” ed io sono la solita balena flaccida e bianchiccia (l’alter ego di una mozzarella di bufala)
  • devo trovare un lavoro! senza soldi col cavolo che le compro quei bei sandali da ZARA
  • 4 esami in 20 giorni sono umanamente impossibili.. soprattutto se uno di questi è gestito da uno psicopatico
  • tra 10giorni c’è LLL e ancora non ho deciso che libro regalare!
  • senti quello come rosica per il derby…mauauuau. Laziale vattene a casa!(che coatta che sono quando mi ci metto)
  • ho voglia di un cupcake di sweetyrome
  • ecco che dovevo scrivere sul blog!! non ricordo più una menga, mi sto invecchiando radicalmente (oddio!le rughe!)

Mi collego così a quest’ultimo pensiero (di una serie di cazzate scremate e censurate per il vostro bene) per parlare con voi di un argomento che ha fatto tanto discutere qualche settimana fa e che ora è passato in secondo piano a causa di scelte giornalistiche preferiscono descriverci h24 l’autopsia di quella povera ragazzina che nemmeno da morta viene lasciata stare: sto parlando delle ADOZIONI PER I SINGLE!

Io, come spero il mondo intero, mi son fatta un’idea a riguardo (magari discutibile ma pur sempre un’idea basata su concetti logici) ma ho preferito non parlare e vedere l’andamento dei fatti pratici. Poi, leggendo e commentano l’articolo di quarchedundupegi (dove in modo specifico si parlava di Gianna Nannini)ho deciso di esprimere il mio punto di vista.

Allora, sarò breve e per farvi capire il mio punto di vista vi pongo una domanda. Se voi foste un bimbetto, che di traumi ne ha già avuti più lui che tutti noi messi insieme, cosa vorreste tra:

  1. continuare a vivere in un orfanotrofio o simili, guardando gli altri bimbi andare via con famiglie che per stare lì so 5289571anni che gira tra pratiche, avvocati e visite dallo psicologo?
  2. vivere in una famiglia che non ti si caga, ti trasmette litigi e tradimenti (e magari ci scappa pure la violenza)ma che non si sa per quale arcano motivo è riuscita comunque ad adottarti promettendoti un falso futuro?
  3. crescere nella tua famiglia di sangue con i tuoi che si odiano/con un solo genitore causa separazione (e quindi se sto povero cristiano deve mandare avanti la baracca non lo vedrai mai) o morte?
  4. Essere portato via dalla solitudine e la mancanza di una famiglia da UN genitore che ti darà tanto di quell’amore da valore per due (vedova single o separata non è la stessa cosa??anzi, se perdi un genitore penso sia peggio piuttosto che vivere da sempre solo con uno)??

Forse ho espresso il concetto in modo confuso, ma la mia idea è chiarissima: non importa chi avrai accanto, l’importante è l’amore ed i principi che questo ti darà. PUNTO! Se poi si è in due, in tre, singolo, due uomini, due donne, uomo-donna, giovane, anziano..quello che vi pare..sta di fatto che l’amore non ha ne colore ne sesso. L’amore è amore e se si è capaci di trasmetterlo si deve avere la possibilità di farlo!

37 commenti leave one →
  1. 15/03/2011 21:47

    Sole, cos’è il sole?? Qui al Nord piove da giorni!!!

  2. numeronove permalink
    15/03/2011 22:04

    Vero Farny che oggi c’era un bel sole nella nostra Roma, ma è vero pure che danno almeno i prossimi due giorni piovosi, spero solo che domenica sia bello per il cartocomics.:)
    Per l’argomento serio, hai espresso un pensiero molto valido, non si puo non essere d’accordo con te.

  3. 15/03/2011 22:15

    Decisamente il punto 4. Certo dovrà essere in grado di dare all’adottato tutto quello che gli avrebbero potuto dare 2 genitori. Quindi: doppio delle botte, dovrà odiarsi, tradirsi e litigare costantemente con se stesso. Altrimenti il bambino si perde l’esperienza della famiglia e cresce disadattato.

  4. 15/03/2011 22:19

    Eppure sai, io non la farei così facile. E’ vero ciò che dici, ma è anche vero che bisogna garantire a quei bambini una vita “uguale agli altri”, perché hanno già tanto che preferiscono dimenticare/nascondere. E’ dura trovare una soluzione ma è anche vero che se c’è tutta questa rigidità nel concedere adozioni è solo ed esclusivamente per garantire la serenità del minore. Prima la facevo facile anch’io, come te, poi un giorno un discorso simile l’ho affrontato con una persona che un minore l’ha adottato… e che tutto il mondo delle adozioni l’ha attraversato, combattuto, scoperto e vissuto. Ripeto, non è facile…
    Ciao,
    Emanuele
    PS: come dice Matteo, qui piove… diamine!😛

    • 16/03/2011 12:47

      Guarda, di questi argomenti non basterebbe un blog intero per parlarne. è vero che l’ho fatta facile e ho omesso un po’ di opzioni da “family portrait” ma anche io, come te, sono arrivata a queste conclusioni ascoltando esperienze di amici adottati e che ora vivono sia in famiglie felicissime sia in famiglie separate/menefreghiste/con lutti! Mi sono basata sulla mia piccola esperienza, anche se poi spero sempre nel lieto fine!

  5. 15/03/2011 22:52

    ciao ti ho trovata curiosando sul web e mi è piaciuto il tuo blog….
    io penso che, una volta superati tutti gli esami psicolgici (ma questo sia per i singles, sia per le coppie gay, che per le coppie regolari…) io penso che qualsiasi soluzione sia migliore di uno squallido istituto….

    • 16/03/2011 12:49

      Certamente!!
      Comuunque..benarrivata in questo folle spazio!
      Ti aspetto al prossimo sproloquio! 😄

  6. 15/03/2011 23:00

    Da me c’era scirocco, me ne sono andata in giro senza maniche!

  7. 15/03/2011 23:23

    oggi a Milano primavera un par di ciufoli, sembrava di essere a novembre…

  8. bottepiccola permalink
    16/03/2011 08:08

    questo delle adozioni per single purtroppo,è l’ennesimo tassello bigotto di sto cesso di mondo..Nati e cresciuti coi paraocchi come i cavalli delle carrozzelle a Piazza di Spagna..Si cresce con la figura della mammà e del papà,tutto ciò che differisce da sto caxxo di ipocrita stile di vita viene etichettato come diverso..
    E ci si ritrova nuovamente a rispondere a dibattiti idioti,a difendere a spada tratta una coppia uomo/donna perchè normali ma che poi magari,sotto sotto,di base solida non ha nulla..
    Tutto ruota attorno al concetto di “normalità”,tralasciando sempre più spesso il pensiero che forse forse,più che delle apparenze ci si dovrebbe preoccupare della quantità d’amore che può contenere e che è capace di dare un cuore solitario piuttosto che un marito che va a mignotte o mette le mani addosso alla moglie..
    A me ste cose mandano in bestia,giuro…
    Perché poi vietare l’adozione ai single ma parmettere loro di adottare a distanza?
    Eh si,dimenticavo….il potere dei piccioli…
    Mah……..disgusto…..

    Quanto alla bella giornata di sole su Roma e provincia rispondo: ‘a regazzì,ma ‘n che parte de pianeta abbitate?😐

    • 16/03/2011 12:51

      Replico al tuo commento con una frase di Mine Vaganti (gran bel film!!se non l’hai visto incastra mary e vedetevelo!):
      “Normalità, che brutta parola!”

  9. 16/03/2011 08:19

    Scelgo l’opzione 4, ma il fatto di essere, credo, d’accordo con te mi da arbitrariamente diritto all’invio di un po di sole?🙂

    • 16/03/2011 12:53

      Guarda, a forza di commenti qui sotto della serie “qui diluvia da mesi” la pioggia per osmosi è arrivata pure qui.
      Però, al primo ritorno di sole e caldo ti faccio un fischio!! 😀

  10. 16/03/2011 10:22

    In linea di massima sono d’accordo con te, ma dobbiamo anche tenere presente che quel bambino dovrà vivere in una comunità (scuola, catechismo, sport ecc.) cosiddetta “normale”. Il fatto di crescere con una famiglia considerata diciamo “alternativa” potrebbe essere per lui fonte di grande disagio e senso di inferiorità. Penso che la nostra mentalità non sia ancora pronta per questo, anche se io personalmente sono d’accordo che è meglio ricevere amore da non importa chi, piuttosto che da nessuno.

  11. 16/03/2011 12:01

    Da figlia di genitori (finalmente!) separati che si sono sputati veleno urlando per 25 gloriosi anni di matrimonio, non posso che darti ragione.
    Avrei di gran lunga preferito un famiglia mono-parentale, ma con un “mono” decente per intenderci, e idealizzare per tutta la vita la non presenza dell’altro mono.
    Insomma, per farla breve: meglio un mono ben riuscito che un bis distruttivo.
    Che padronanza lessicale ehhh?!!

  12. bottepiccola permalink
    16/03/2011 13:39

    agguanto al volo il consiglio cineforumeresco🙂
    ..frase piuttosto toccante,ma che racchiude in un solo concetto il nostro paese bigotto..
    Orgogliosissima cmq di vedere che anche tra di noi bloggers qualcuno che cerca di distinguersi dalla mandria di caproni c’è..🙂

  13. 16/03/2011 14:49

    cacchio piove!!!
    e pensare che ieri era da mare !!!!
    marzo sei proprio pazzo ..e che cazzo!!!!

    cmq siamo seri ..credo che adottare un bambino non sia una cosa da prendere alla leggera ..bisogna tenere conto che la maggior parte dei minori che vanno in adozione hanno gia subito dei traumi che hanno gia intaccato di brutto la loro fragile personalita …ecco il perche di tanta burocrazia …ecco il perche di tanti incontri con assistenti sociali e visite psicologiche…non affidano un minore al primo che capita…onestamente credo che la miglior sia la coppia intesa come uomo/donna ..cme si puo pensare di dare in adozione un bambino ad una coppia gay o lesbo o ad un single se la societa in cui viviamo ancora non e pronta ancora discrimina ancora alza muri ?? certo dirai tu che se nn s inizia mai si comincia certo anche questo e vero ma bisogna iniziare da altro ..come per esempio dare alle coppie gay/lesbo gli stessi diritti e doveri di una coppia tradizionale….ahime io sono un fottuttissimo tradizionalista e credo ancora in certe cose ma che vuo fa non siamo tutti uguali a sto mondo !!!!! e pèoi diciamocela tutta la mamma e sempre stata donna e il padre e stato sempre uomo perche’cambiare il tutto ??

  14. Marta permalink
    16/03/2011 16:20

    La primavera a Roma?! Federì ma che stai a dì?!
    Tanto per rimanere in tema “parliamo romano alè alè” Piove e fa freddo ma tutti ‘sti fiorellini dove li hai visti?!

    Ad ogni modo sono dell’idea che non sia importante la quantità dei genitori ma la qualità. Ergo , sì alle adozioni per i single.

    • 16/03/2011 17:42

      Ribatto in romano..a Marta, ma che ieri te sei abbioccata!!!io giravo a maniche corte…

      • Marta permalink
        16/03/2011 20:58

        Da me diluviava santo dio , ma quale primavera!

  15. 16/03/2011 18:57

    Farnò….non ho capito…hai scritto che qui a Roma è SCOPPIATA la primavera?
    beh…che culo…perchè qui sulla Tiburtina il cielo fa pipì da stamattina!!!

    • 17/03/2011 13:06

      Ma io parlavo di martedì nello specifico!!
      Comunque fa un caldo assurdo..questo è sicuro!

  16. 17/03/2011 13:44

    Grazie per avermi chiamato in causa. Scusami se sono arrivato così tardi.
    Hai perfettamente ragione quando dici che la cosa più importante è l’amore. Da solo però non basta. Ci vogliono anche delle “regole” o, se preferisci, un pizzico di ordine.
    Quanto scrissi, o riportai, relativamente a Gianna Nannini, non riguardava però le adozioni.
    Mi fa piacere se hai già la “primavera”. Mi sembra però, da quanto leggo, che la primavera di cui parli sia un po’ il frutto del tuo ottimismo. Fai bene a essere ottimista! Continua così!

  17. 17/03/2011 18:22

    Normalità… beato chi riesce a definire la parola normalità nella vita reale, per me nessuno lo è, o meglio chiunque ha almeno una caratteristica che permette a tutti di dire “ma tu non sei normale!!!” (alzi la mano chi non ha mai ricevuto questa frase).
    Quoto le tue parole, in fin dei conti quel che serve al bambino/a è qualcuno che lo ami e gli insegni quali siano i giusti valori della vita: può essere una coppia uomo/donna, può essere una coppia donna/donna, può essere una coppia uomo/uomo, può essere una singola persona, non importa, conta solo come si educa il bambino!

  18. 18/03/2011 21:40

    Punto 4, con applauso, e SO-TTO-LI-NE-AN-DO che l’amore VERO, la capacità di ascoltare un bambino, tutelarlo e INSEGNARGLI A TUTELARSI (sono due cose diverse!) andrebbero verificate PRIMA di diventare genitori, anche per collaudate coppie eterosessuali con tutti i crismi. Perchè la genitorialità, come si evince dal tuo semplice ma efficace esempio, non è SOLO un fatto biologico….

    grande!

    ps. grazie di aver avuto la costanza e la PAZIENZA di aprirti tutti i link… è il risultato per cui abbiamo lavorato tanto “covando a lungo” quel post… e grazie anche di averci detto di aver seguito un corso di cosmetologia: lo sai che ora non ti potrai più esimere dal contribuire ai futuri post di quella categorie con delle dritte nello stile che solo tu sai avere, vero😀 ??? Facci sapere se ti abbiamo passato sufficienti nozioni per la tastiera (abbiamo postato anche una simil recensione di un altro prodotto che potrebbe interessarti)… bye

  19. 18/03/2011 22:48

    Magari ci fosse il sole dalle mie parti!! Sono brutte nuvole… condivido a pieno il tuo pensiero!
    Un abbraccio e buon fine settimana

    • 19/03/2011 12:02

      Dai che primo o poi la primavera arriva!

      PS: cioè…tu fai quelle prelibatezze ed io non conoscevo il tuo blog???vado subito a sbirciare così mi metto all’opera!😀

  20. 19/03/2011 00:31

    totalmente d’accordo sull’adozione per i single!!!!

  21. 19/03/2011 09:28

    Sono d’accordo! Meglio uno che niente! E poi quanti sono i bambini che hanno avuto la sfortuna di perdere un genitore…che facciamo, lo togliamo al genitore vivente perchè lo crescerebbe da solo?
    Per quanto riguarda invece le coppie gay, purtroppo c’è ancora molto da lavorare sulla società. Troppi pregiudizi e ignoranza!

  22. 19/03/2011 12:50

    qua la primavera è “scoppiata” ieri. c’è un bel solicchio e speriamo che duri.

    per quanto riguarda la questione.. sono ovviamente, totalmente, indissolubilmente a favore. come sempre, il problema qua in italia è la megabigottaggine della gente, con i soliti discorsi sulla famigliatradizionaleblablabla. un bimbo ha bisogno di amore, punto.
    eppure spesso quando chiedi “ma secondo te sta meglio un figlio di sposati in chiesa che litigano giorno e notte e si cornificano da anni ma non si lasciano perché “non divida l’uomo ciò che dio ha unito” o il figlio di un single che cerca di dargli tutto il suo amore?” ti viene risposto “sì, ma la famiglia tradizionale ti dà certi valori..”. siamo arretrati, questo è quanto.
    poi ovviamente in italia l’ulteriore freno al via libera alle adozioni per single è il TERRORE che potrebbe aprire alle adozioni gay.. ma basta, perché davvero si potrebbe riempire un blog solo di questo.

    ps. scelto il libro?

  23. 21/03/2011 18:09

    Buon Salve…purtroppo l’Italia è un paese bigotto e decisamente antiquato. L’idea di una famiglia “alternativa” fine a se stessa non fa tanto scalpore. E’ il contorno che la guasta. Quell’ipotetico bambino dovrà, per forza di cose, frequentare luoghi di aggregazione come scuola, palestra, catechismo etc…e dovrà confrontarsi con i pensieri ristretti di tanti genitori che decideranno di non mandare i propri figli a giocare a casa del “bambino con un solo genitore” (e lo apostroferanno con un candido ) o peggio ancora con 2 genitori dello stesso sesso (in quel caso verrà apostrofato con ). Ma in fondo l’amore cosa conta? E’ meglio apparire al top e poi a casa ammazzarsi di botte, andare a mignotte, tradire più volte a settimana, rubare e…insomma…non c’è bisogno che vada avanti…credo di aver espresso il concetto…forse lo espresso anche un po troppo!😉 Buona serata!

  24. ilmiosilenziolosentiraigridare permalink
    24/03/2011 15:27

    Stupenderrimi i sandali da Zara questa primavera!
    E sono d’accordo con te sull’adozione!🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: