Vai al contenuto

Ti prendo e ti porto via – Niccolò Ammaniti

11/10/2010

… non è vero quello che dicono che sbagliando s’impara, non è assolutamente vero, esistono persone che sbagliando non imparano proprio niente, anzi, continuano a sbagliare convinte di essere nel giusto (o incoscienti di ciò che fanno) e con la gente così la vita, di solito, è cattiva, ma anche questo d’altronde non significa nulla, perchè queste persone sopravvivono ai loro errori e vivono e crescono e amano e mettono al mondo altri esseri umani e invecchiano e continuano a sbagliare.
Questo è il loro dannatissimo destino.

Più che altro mi ha letteralmente  presa e portata via… completamente immersa in quel mondo perfettamente descritto da quello che reputo essere lo scrittore italiano più formidabile degli ultimi 10 (e passa) anni!

Tutto è concentrato ad  Ischiano  Scalo, un piccolo paesino arroccato dove c’è uno di tutto (come ogni paese che si rispetti): un bar, un giornalaio, una chiesa, un matto del paese (sicuro ci sta, mi ci gioco quello che volete), una scuola, una volante della polizia… ed un intreccio di conoscenze e passioni creato alla perfezione.

Tutto comincia con Pietro, un ragazzino tanto intelligente quanto (come si dice a Roma) frescone; oggetto continuo di sevizie da parte dei compagni bulli, ed un po’ deficienti, della sua classe trova riparo nella sua grande amica (ed amore platonico) Gloria, una ragazzinetta casinara ed iperattiva che prende Pietro sotto le cure della sua (ricca) famiglia. Tormentato da una famiglia apatica, negativa ed inerme verso un progresso che non hanno minimamente intenzione di fare proprio, si ritrova a vivere sui libri, progettando di fare il liceo per poi così continuare gli studi lontano da quel paese che inizia a stargli stretto. Ma qualcosa non va come aveva programmato..  Ed è qui che con un fantastico flash-back entra un altro personaggio, Graziano: play-boy ormai logorato da anni droghe e sole, decide di tornare dopo tanto vagabondare (da bravo musicista che era) nel suo paesino, dove ad attenderlo c’erano parenti ed amici..gli stessi che preferivano un mediocre futuro in quelle 4 mura per paura dell’IGNOTO. Qui, per una serie sfortunata di coincidenze, incontra Flora nonché maestra di Pietro; donna bellissima quanto zitella ed acida: vive una dipendenza viscerale con la mamma malata senza minimamente pensare alla propria vita che la sta facendo invecchiare prima del previsto. Poi tutto cambia, ma anche qui le cose non vanno come lei pensava…

Quattro storie con un passato totalmente diverso ma perfette per essere intrecciate in un presente ironici ma noir allo stesso tempo, il tutto imbevuto di temi moderni ed altamente cinici come è suo solito.    Ammaniti si conferma essere un gran burattinaio del XXI secolo e con la maestria che lo distingue elabora una storia da lasciarti col fiato sospeso fino all’ultima pagina.  Si dice che 2 rette parallele si incontrano SOLO all’infinito..bhe, Ammaniti le fa incontrare in queste 400 e passa pagine! (non vi spaventate, scorrono che è una bellezza).

Così mi piace leggere: sapere com’è fatto un personaggio per poterlo immaginare anche nei minimi dettagli, conoscere le strade della città/paese come se fossero sotto casa mia, capire i movimenti cruciali di un azione…così devono essere i libri! Devono farti scendere una lacrimuccia quando il protagonista piange, devono farti sorridere alla lettura di una buona notizia, devono farti mancare l’aria alla scoperta di una morte, ma soprattutto devono farti dire (arrivati all’ultimo punto) “CAZZO,NO! ANCORA UN ALTRO PO’ “.  Così dovrebbe essere..e così è stato per questo romanzo.

Se vi dicessi che, in piena lettura del libro, sono scesa dall’autobus a stazione ostiense (specifico perchè chi è di Roma capirà la centralità della zona e quindi l’alta concentrazione di gente) con gli occhi lucidi?? Bhe, credeteci..perchè io non vi racconto altro!!  ;)

…vabbè dai, giusto un po’ di perle!

  • Bisogna fuggire per ritrovare.
  • Non pensare a niente è molto difficile. Ci provi, ti strizzi le meningi e ti metti a pensare che non devi pensare a niente e ti sei già fottuto perchè questo è un pensiero.
  • Sono uniti da un arco voltaico che fonde le loro in individualità, che li trasforma in metà imperfette di un essere completo. Solo insieme saranno felici, come angeli con un’ala sola, dal loro abbraccio ci sarà il volo e il paradiso.
33 commenti leave one →
  1. Bob permalink
    11/10/2010 12:48

    Brava Federica, un’appassionata recensione…mi fai venire voglia! ;) ciao.

  2. 11/10/2010 13:07

    Grazie per il tuo passaggio

  3. 11/10/2010 15:10

    finalmente leggo una recensione di un libro che mi fa venire voglia di andarlo a comprare subito! ero in cerca di qualcosa di nuovo da leggere e questo mi sembra un ottimo spunto… Grazie!

  4. 11/10/2010 15:17

    Il mio scrittore preferito in questo momento… Lessi questo libro diversi anni fa e ogni volta che torno a fare il bagno a Saturnia mi rivengono in mente le scene ambientate lì!!!
    Leggi “come Dio comanda”, è strepitoso!!!

    • 11/10/2010 18:13

      Letto!!! però ho fatto l’errore madornale di vedere prima il film…ergo non vedrete mai una recensione di quel romanzo qui! :(

  5. Bob permalink
    11/10/2010 16:05

    Io ho letto “Branchie” e “Io non ho paura”, però ho visto che in casa ho pure “come Dio comanda”….invece una cosa che nn c’entra nulla: odio il circolo degli artisti. :(

    • 11/10/2010 18:11

      “Branchie” mi manca..ma penso che mi manchi solo quello…gli altri li ho davvero amati!
      ps: che ti ha fatto il circolo da farsi odiare?

  6. 11/10/2010 18:07

    è un bellissimo libro che ho letto credo due anni fa di un autore che sinceramente snobbavo invece mi ha rapita completamente!

  7. 11/10/2010 22:47

    bello leggere, io per ora ne sto leggendo due contemporaneamente!

  8. numeronove permalink
    11/10/2010 23:19

    Di Ammaniti ho letto gli ultimi tre, mi ha entusiasmato di piu “Io non ho paura”, ma visto che sai essere convincente recupererò anche questo :)

  9. Bob permalink
    11/10/2010 23:21

    Sono solo affaristi e non hanno cuore…è un locale dove viene spesso bella gente che suona, tutto qua! A me nn hanno fatto niente personalmente, ma nn mi piace troppo come gestiscono.

    • 12/10/2010 09:57

      effettivamente negli ultimi anni sia il circolo che stazione birra hanno capito la parola “soldi!”…prima non si pagava l’ingresso per i concerti..

  10. 12/10/2010 17:29

    Ma che bella recensione!
    Ammetto che di Ammaniti ho letto solo “Io non ho paura”. Cercherò di rimediare in futuro ^^

  11. 12/10/2010 21:40

    L’ho letto diversi anni fa…. ne fui turbata… bellissimo ma spietato… Pensai che un romanzo così non potrebbe mai essere scritto da una donna!

    • 12/10/2010 22:00

      eheheh, vero!
      una donna avrebbe fatto trionfare l’ammmore…o avrebbe mandato a cagare Graziano dopo che scappa..opps…ho detto già troppo!! :D

  12. 12/10/2010 23:36

    ho riletto ora la recensione…Dio gli errori d battitura!
    mi scuso con tutti voi ma ero così impegnata nello scrivere che non mi son proprio resa conto

  13. 13/10/2010 20:54

    fantastico libro, l’ho letto tempo fa e anche io ne sono rimasto molto colpito

  14. 13/10/2010 21:29

    brava finocchia

  15. 13/10/2010 21:33

    e certo finocchia e basta

  16. 13/10/2010 21:40

    ma non lo diceva pulcinella?!? :D

  17. 14/10/2010 16:22

    Bella recensione, mi hai fatto venir voglia di leggerlo!
    Ora sto leggendo “La solitudine dei numeri primi”, lo hai letto?
    Se sì, sono curiosa di sapere che ne pensi! :)

    • 15/10/2010 16:21

      Letto letto..e proprio per questo motivo non vedrò il film.
      Mi è piaciuto molto anche se la fine ti lasci con l’amaro in bocca…vabbe continua e finisci, poi ne riparliamo! ;D

  18. 15/10/2010 09:57

    Con tutti i commenti intelligenti che si possono fare ad un post così colto ne faccio uno di stupido: dal tuo primo commento a questo post ho scoperto che ci chiamiamo uguali! pensa te!

  19. 24/10/2010 15:47

    …fantastico!!
    (e i pianti che mi sono fatta alla fine..!!)

  20. 28/08/2011 11:19

    Bellisssssimo, un libro che ho divorato in un soffio.
    Complimenti bella scelta, ciao un saluto da un viandante del web, Fabio.

  21. 23/10/2011 15:48

    anche per me, è uno dei libri preferiti in assoluto. penso sia il libro che ho regalato più di tutti.

    • 24/10/2011 15:13

      Il finale mi ha spiazzata a al punto che lo rileggerei solo per cercare di crearne un altro degno di Ammaniti.. :D

  22. 04/09/2012 17:34

    è stato il primo libro di Ammaniti che ho letto e mi ha rapito….l’hai letto l’utlimo coi racconti?

  23. 01/10/2013 14:18

    Ciao! Bella recensione!
    Anche io ho recensito questo libro sul mio blog :) Uno dei miei libri preferiti!
    Vieni a dare un’occhiata se ti va
    http://lunanelventoelavita.blogspot.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 317 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: